Freida Pinto, Mikhail Baryshnikov, Katie Couric e altri partecipano ai Relativity Studios e alla proiezione di Desert Dancer da parte della Cinema Society al MoMA


  • Frieda Pinto
  • Fabiola Beracasa e Iman
  • Prestito Chabanol

Il film biografico, che ha seguito il ballerino iraniano Afshin Ghaffarian mentre cerca di ballare in un paese dove è vietato, è stato un lavoro di passione per tutti i soggetti coinvolti. 'Ero solo in soggezione per quello che aveva passato e per quanto era disposto a fare per inseguire il suo sogno', ha detto Reece Ritchie, l'attore inglese che interpretava Afshin. “[Per prepararci], abbiamo studiato l'Iran per così tanto tempo. Leggiamo libri. Abbiamo cucinato cibo iraniano. Abbiamo ballato per quattro mesi, mi ha assolutamente ucciso. È stato un intero capitolo della mia vita in questo film. Non è stato come l'abbiamo fatto per due settimane e poi abbiamo girato'.

Per il pubblico—che includeva il produttore Fabiola Beracasa-Beckman e cohost Mikhail Baryshnikov, Katie Couric, e Elettra Wiedemann - il tema della danza e della ribellione personale è stato caldo sulla lingua per tutta la serata. 'Dio mio! Mi piacciono i balli latini e tutto ciò che è moderno e, naturalmente, amo il balletto, perché è molto importante essere organizzati nei movimenti', hanno esclamato uno sportivo di Fendi e Stephen Burrows. Pat Cleveland pochi minuti prima che l'immagine venisse proiettata. 'E sono molto curioso di questo [film]!'

Dopo lo spettacolo, il discorso è continuato dall'altra parte della strada al nuovo sfacciatamente opulento Baccarat Hotel. 'Così tante cose meravigliose [mi hanno portato qui]!' spiegato Francesco Costa, come lui, Iman, Vanessa Traina Snow, e Massima neve si servirono in vista di calici di champagne di cristallo. 'Sono così felice di vedere il film dopo aver aspettato così a lungo.' Ci sentiamo allo stesso modo.