In West Side Story del 2021, Rachel Zegler consegnerà una Maria per il momento

LE TIMELINE tendono ad andare storte per Rachel Zegler. 'Ricordo di aver inviato un'e-mail al responsabile delle ammissioni alla Montclair State University dicendo: 'So che sembra una bugia, ma è quello che è successo, ed è per questo che non posso partecipare.' '

'Quello che è successo' è stato che il cantante e attore diciannovenne, allora studente di liceo ossessionato dal teatro musicale, è stato scelto per il ruolo di Maria nella revisione di Steven Spielberg diStoria del lato ovest.Un anno prima, nel gennaio 2018, l'amica di Zegler Makena Reynolds aveva condiviso un tweet di chiamata al casting insieme a una battuta 'Grazie quando sei famoso'. Quella notte, Zegler ha presentato un video fatto in casa di 'I Feel Pretty' o, come lo ha espresso Zegler, 'Me Siento Bonita'. In poche settimane stava facendo l'audizione.

Il college è stato sospeso, e così anche il film. L'uscita del film di dicembre 2020 è stata posticipata di un anno intero nella speranza di un debutto cinematografico post-pandemia, lasciando Zegler, che ha concluso la produzione mesi fa, a dedicarsi ad alcuni degli stessi passatempi di isolamento del resto di noi: pattinaggio a rotelle, chitarra -giocando. Zegler, che è cresciuta a Clifton, nel New Jersey, ha trascorso la sua giovinezza viaggiando a Manhattan per gli spettacoli di Broadway, e quindi ha anche consumato quanta più cultura virtualmente accessibile possibile. 'È una realtà orribile, non poter avere un teatro dal vivo', dice, 'ma mi piace molto guardare il modo in cui l'intrattenimento si sta adattando'. Trascorre anche del tempo con la sua famiglia colombiana-americana, che è immensamente orgogliosa di lei. Nel ritratto di Maria di Zegler (di fronte al rubacuori Ansel Elgort nei panni di Tony), non solo sta realizzando i suoi sogni di Hollywood, ma è una latina che interpreta un migrante portoricano, un ruolo notoriamente imbiancato da una Natalie Wood artificialmente abbronzata nell'adattamento cinematografico del 1961. Durante la nostra conversazione, articola con attenzione: È 'Mah-riya', non l'anglo'muh-riya.'

Per Zegler, il film è “una bella dimostrazione di gioia latina e del modo in cui le giovani ragazze latine meritano di vedersi: ballare in bei vestiti e cantare sull'amore per se stesse. È qualcosa che contava così tanto per me, essere latina, cantare 'I Feel Pretty' e intenderlo. Spero che i giovani di tutto il mondo sappiano che i loro lineamenti sono meravigliosi e la loro cultura è bella. Penso che questo sia ciò che significa per la mia famiglia', continua. “Sanno che accadrà.” Un'altra garanzia? Makena merita assolutamente un ringraziamento.

L

Abito in tulle ricamato Dolce & Gabbana (dolcegabbana.com). Fotografato da Stefan Ruiz,Voga, dicembre 2020

L

Per un tocco pudico, un abito senza spalline è sovrapposto a un top in pizzo guipure, entrambi di Chanel (chanel.com). Zegler abbraccia una clutch floreale di Valentino Garavani. Fotografata da Stefan Ruiz,Voga, dicembre 2020

L

Zegler sembra austero e corretto in una camicetta senza maniche indossata sotto un abito corsetto, entrambi di Dior (dior.com). Gli orecchini di diamanti Marlo Laz fungono da bottoni. Fotografati da Stefan Ruiz,Voga, dicembre 2020

L

La coreografia di Jerome Robbins ha ispirato questa posa, coinvolgendo una camicia con maniche a dolman Prada ($ 1.060) e una gonna a ruota ($ 1.560; entrambe su prada.com). Danza in diapositive di Giambattista Valli. Fotografata da Stefan Ruiz,Voga, dicembre 2020

L